Musulupa: cibo, rituale e arte

Come si diceva nel post precedente per le Cuddure pasquali (qui), anche la musulupa è un cibo rituale dalla forte valenza simbolica, anch’essa messaggio d’amore beneaugurante oltre che parte di un’incredibile opera di espressione artistica. Nel periodo pasquale è usanza antica nell’area grecanica preparare questo formaggio che sembra un amuleto: ciò che rimane della preparazione…

La Cuddura, un pegno d’amore.

Vito Teti, nel suo libro Fine Pasto, citando Durkheim e Barthes, parla dell’atto del mangiare come un “fatto sociale totale” –  come collegamento tra natura e cultura. Il mangiare è anche una lingua, quindi gusto e comunicazione, e ogni alimento racchiude e trasmette una situazione, rappresenta un’informazione. Durante le ricorrenze religiose in Calabria, il cibo è…

Olive ammaccate

Lamezia Terme è formata da tre comuni principali, Nicastro, Sambiase e Sant’Eufemia, ovvero i negozi, gli ulivi e la stazione.  È il centro più grande di una Piana che ha la forma di un triangolo: a ovest si affaccia sul Golfo, da Gizzeria a Pizzo 40 chilometri di spiaggia lungo cui si alternano pinete, l’aeroporto,…

Minestra di Curini, ovvero le cime di zucchina

Talli, tenerumi, curini, cime di zucchina… chiamatele come volete, le foglie più tenere della pianta di zucchina sono una vera prelibatezza. Le cime di zucchina sono introvabili al supermercato, ma il bello della tradizione della cucina povera è proprio questo, scoprire ingredienti inaspettati, semplici e all’apparenza da scartare, in realtà preziosi e gustosi. Sabato scorso…

Polpette di melanzane, estate calabrese

D’estate a casa dei miei nonni si cenava sotto la grande veranda. A fine pasto, dopo aver chiacchierato tutti insieme, l’ultima parola ce l’aveva sempre mia Nonna Pina. Qualunque fosse l’argomento dibattuto in quel momento, la chiosa era sempre la stessa: <<beh, domani chi mangiamu?>> La preparazione del cibo in Calabria ha sempre scandito il…

Cipolla Rossa di Tropea e Nduja di Spilinga, sapori santi da una terra mistica

La cucina calabrese è speciale come molte cucine del mediterraneo, perché è espressione di una storia antichissima, crogiolo di eredità arabe, greche, normanne… è inoltre ciò che deriva da una conformazione geografica che in uno spazio relativamente ristretto racchiude tutto: mare, laghi, colline, pianure, montagne. Una quantità di microclimi e biodiversità tale che ogni paese della regione ha le proprie…

Sapone di casa all’olio di oliva

Grazie alla Signora Bettina ho fatto il SAPONE DI CASA a caldo (in quantità industriali!). La preparazione è tradizionale, un rito che si tramanda da sempre. L’olio utilizzato è quello residuo dei recipienti utilizzati in casa (non utilizzato per cucinare, ovviamente). A voi ingredienti e procedimento. 1kg di Soda a scaglie 5 litri di olio…

Primavera è Pitta China

Sabato 2 Aprile, San Francesco, è il giorno della tradizionale “cicerata” di Maida, che festeggia il santo patrono con la distribuzione all’intera popolazione di pasta e ceci. Con questa scusa una cara amica ha organizzato un pranzetto campagnolo a base della pasta benedetta di cui sopra, vinello del contadino, satizza fatta in casa e lei,…

Sua maestà la Crispella.

Durante il periodo natalizio, in ogni casa calabrese che si rispetti non possono mancare le Crispelle, dette anche Zéppole. Nonne e nipoti si ritrovano in cucina per il rito della preparazione, orde di cugini accorrono, la tavola si imbandisce di buon vino e formaggi e salumi a fare da corollario alle regine della tavola di natale. Le…

Il Cedro Calabrese

Agrume originario della Persia, trova un habitat favorevole nel reggino e nell’alto Tirreno cosentino (la Riviera dei Cedri). Il Cedro calabrese è rinomato in tutto il mondo e apprezzato per le sue proprietà. Frutto sacro per la tradizione ebraica, viene scelto ancora oggi dai rabbini di varie parti del mondo per la sua purezza e integrità….

Turduni: collane di castagne

  Immancabile ghiottoneria natalizia della nostra infanzia, i Turduni sono una prelibatezza ormai quasi introvabile. Dolci e morbide, le castagne essiccate lentamente e non completamente vengono poi sapientemente affumicate e infilate una a una a formare una collana. Oggi resistono nei mercati locali e in qualche bottega di quartiere.    

Stroncatura con le alici

Sabato di dicembre, pranzo all’aperto e stroncatura con alici salate, aglio, peperoncino e prezzemolo.   La stroncatura è una pasta di frumento integrale tipica della Piana di Gioia Tauro. Ottenuta dai residui della molitura del grano, ha una consistenza grossolana che la rende perfetta a trattenere i condimenti tipici. È stata portata qui dagli Amalfitani che nell’800, attirati dalle…